La conservazione dell’olio extravergine d’oliva

La conservazione dell’olio extravergine d’oliva

L’olio extravergine di oliva va conservato in un luogo buio, fresco (non freddo, l’olio non deve gelare) e asciutto, lontano dalle fonti di calore. È importante, una volta aperta la bottiglia, pulire il beccuccio della stessa con un pezzetto di carta assorbente quando che si è finito di cucinare o pranzare. I residui di olio sul beccuccio irrancidiscono facilmente rovinando di conseguenza il sapore del resto dell’olio una volta che si versa. Occorre inoltre ricordare che l’olio extravergine di oliva è soggetto ad ossidazione. Bisogna pertanto evitare contatti prolungati con l’ossigeno. necessario usare contenitori in vetro scuro (l’olio teme la luce) di bassa capacità e di basso diametro (in tal modo la superficie di olio a contatto con l’aria è molto ridotta) e ricordarsi di tappare immediatamente il contenitore dopo averlo usato. Sono da escludere nella maniera più categorica le generiche ampolline in vetro chiaro prive di tappo.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *