I nostri ulivi

Lʼolivo è una pianta sempreverde a crescita molto lenta che può raggiungere dimensioni molto rilevanti e può avere una vita più che millenaria grazie alla sua capacità di rigenerare dalla ceppaia lʼapparato epigeo e ipogeo danneggiato. Il fusto è formato da un legno duropesante e molto profumato, con la corteccia di colore grigio liscia nei primi anni e poi nodosa, scura. Lʼapparato radicale è superficiale, la chioma ha forma conica ed irregolare. Le piccole foglie sono lanceolate, coriacee con la pagina inferiore grigio-argentea e quella superiore di colore verde. I fiori sono piccoli e abbondantissimi, biancastri, con 4 petali, riuniti in minuscoli grappoli di 10-15 fiori che formano unʼinfiorescenza detta “mignola”. Lo sviluppo delle infiorescenze ha inizio in aprile ma la fioritura vera e propria si ha tra fine maggio e lʼinizio di giugno. Lʼimpollinazione è anemofila. Le olive sono drupe carnose di forma ovoidale, con un seme (nocciolo) duro e legnoso. La polpa contiene il 25-30% di olio.

In olivicoltura è molto frequente l’alternanza di produzione, cioè il fatto che un anno le piante producono molto e il successivo molto poco. Le cause sono molteplici e legate fra loro; innanzitutto la predisposizione varietale, le condizioni climatiche, le potature sbagliate, la concimazione inadatta, gli attacchi parassitari, in particolare della mosca dell’olivo e, non ultimo, il ritardo nella raccolta dei frutti. Per superare questo problema è consigliabile intervenire con la potatura, anche straordinaria, irrigare e concimare durante l’anno e anticipare la raccolta.

Le varietà di olivo sono classificate in relazione alla destinazione del frutto in:

  • varietà da mensa
  • varietà da olio

tenendo comunque presente che tutte le cultivar possono essere utilizzate per entrambi gli impieghi. Tra le varietà da mensa: Ascolana tenera, coltivata in tutta Italia, pianta vigorosa dalla drupa grossa e polposa; Dolce di Cerignola, presente in Puglia, mediamente vigorosa e con frutti grossi; Nocellara etnea, siciliana, vigorosa, con frutto grosso e maturazione tardiva.

Fra le varietà da olio, Frantoio, diffusa in Toscana con frutto grosso, polposo e ricco d’olio; Leccino, presente nell’Italia centrale, con frutti grossi e carnosi da cui si ricava un olio di buona qualità. Coratina, diffusa in Puglia, con frutto grosso e produzione elevata ma alterna.

Negozio